CITTÀ

FOTO Donne picchiate, minori minacciati:quattro misure cautelari della Squadra Mobile

Donne picchiate, minori minacciati:quattro misure cautelari della Squadra Mobile

FOGGIA,

Sono quattro le misure cautelari emesse dal Tribunale di Foggia per maltrattamenti in famiglia. La prima nei confronti di un trentenne foggiano al quale è stata applicata la misura cautelare del divieto di avvicinamento all’abitazione e ai luoghi abitualmente frequentati dalla compagna. L’uomo, cocainomane, fin dall’inizio della convivenza nel 2012 aveva assunto una condotta aggressiva e violenta nei confronti della donna, anche in presenza delle figlie minori, minacciandola di morte se lo avesse lasciato. Più volte la donna era costretta a rivolgersi alle cure del pronto soccorso per le lesioni subite anche se altre volte per vergogna e paura evitava di farsi refertare. L'ultima violenza nel settembre scorso: l'uomo è rientrato a casa ubriaco e ha minacciato di morte anche le bambine. La donna ha quindi deciso di denunciare l’uomo rivolgendosi alle Forze dell’Ordine.

Analogo episodio e stessa misura cautelare per un cittadino polacco di 40 anni. L'uomo è indagato per maltrattamenti nei confronti della convivente connazionale.
Accusato di maltrattamenti anche un cittadino rumeno 22enne, allontanato dall'abitazione dove viveva anche la compagna, vittima di percosse e ingiurie avvenute anche mentre la donna teneva in braccio il bambino di pochi mesi.

Ultimo episodio, sempre a Foggia, dove un uomo, già destinatario della misura cautelare degli arresti domiciliari per maltrattamenti, è stato trasferito in carcere per violazione delle prescrizioni.

L’uomo aveva ricominciato a telefonare alla compagna con una utenza telefonica sospetta. L’arrestato è stato tradotto presso la locale Casa Circondariale a disposizione della Procura della Repubblica di Foggia.



Commenta l'articolo