POLITICA

FOTO Il M5S di Manfredonia: "Riccardi deve essere rimosso dalla presidenza ASI

Il M5S di Manfredonia: "Riccardi deve essere rimosso dalla presidenza ASI

MANFREDONIA,

"Il sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi, deve essere rimosso dalla carica di Presidente del Consorzio ASI. A ordinarlo, ancora una volta, è l’ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione) a firma del Presidente Raffaele Cantone che, in una nota inviata al deputato Antonio Tasso (n.59746 del 6/7/2018), chiarisce definitivamente che “si invita il RPCT ASI Foggia ad adottare tutte le misure conseguenti a quanto accertato con la delibera ANAC n. 453 del 9/5/2018”. Lo affermano i rappresentanti del Movimento 5 Stelle di Manfredonia che ricostruiscono i fatti

 

- Il 2/10/2017 con nota n.113016, la Consigliera Regionale del M5S, Rosa Barone, segnalava all’ANAC l’inconferibilità dell’incarico di Presidente del Consorzio ASI Foggia al sindaco Riccardi;

- Il 15/11/2017 i consiglieri del Movimento 5 Stelle di Manfredonia, Gianni Fiore e Massimiliano Ritucci, producevano esposto all’ANAC in riferimento all’inconferibilità dell’incarico (già indicato) con nota n.128531 e, nella stessa data, inviavano medesima segnalazione al RPCT ASI Foggia;

- il 22/2/2018 i consiglieri comunali, Fiore e Ritucci, presentavano esposto alla Procura della Repubblica riguardante l’inconferibilità di cui sopra;

- L’ANAC in data 8/3/2018, a seguito dell’esposto alla Procura della Repubblica dei consiglieri del Movimento 5 Stelle di Manfredonia, avviava un procedimento di vigilanza relativo ad un’ipotesi di inconferibilità dell’incarico di Presidente del Consorzio ASI Foggia al sig. Angelo Riccardi, in quanto sindaco di una città con popolazione superiore a 15000 abitanti (art.7 d.lgs. 39/2013);

- Il 9/5/2018 - a seguito del parere del RPCT (Responsabile della Prevenzione Corruzione e della Trasparenza) dell’ASI Foggia, geom. Michelarcangelo Marseglia, inoltrato il 27/3/2018 con protocollo n.572 – l’ANAC, con deliberazione n.453, dichiarava INCONFERIBILE l’incarico di Presidente ASI Foggia al sindaco Riccardi, ordinandone la rimozione al RPCT e invitando lo stesso ad aprire un procedimento per le sanzioni inibitorie nei confronti dei membri dell’assemblea ASI che ne avevano decretato il conferimento;

- Il RPCT  Marseglia, interpretando erroneamente la delibera ANAC su richiamata, in luogo della rimozione indicata, avviava un nuovo procedimento di inconferibilità a carico di Riccardi – cosa NON CONSENTITA dalle Linee Guida dell’ANAC, che indicano chiaramente che al “RPCT non è consentito doppiare l’attività di accertamento compiuta dall’ANAC” – comunicandolo, con nota n.1052 del 29/5/2018, all’ANAC e ai soggetti interessati (Cda ASI Foggia, Membri Assemblea Generale ASI Foggia e Sindaco Angelo Riccardi);

- Il 5/6/2018, i consiglieri Fiore e Ritucci preso atto della nota del RPCT del 29/5/2018, per il tramite del deputato Tasso, inoltrano al Presidente dell’ANAC Cantone, una nota in cui denunciando la scorretta interpretazione della deliberazione n.453 del 9/5/2018 – da parte del RPCT Marseglia –  chiedono un pronunciamento sulla questione, definitivo e chiarificatore;

- il 27/6/2018 il Consiglio dell’ANAC, dando ragione ai consiglieri del M5S, indica l’erroneità dell’azione del RPCT Marseglia, invitandolo, nuovamente, ad adottare immediatamente la misura della rimozione nei confronti di Riccardi, comunicando questa decisione a tutti i soggetti interessati (comunicazione pervenuta al deputato Tasso, come detto, il 6/7/2018);

Ora, ci piacerebbe sapere dal RPCT Marseglia:

-  cosa non gli è chiaro nella delibera ANAC n. 453 del 9/5/2018?

- cosa non gli è chiaro nella indicazione “…al RPCT non è consentito doppiare l’attività di accertamento compiuta dall’ANAC…?

-  come mai la comunicazione di “avvio di accertamento di inconferibilità” – che, come dimostrato, non poteva esser fatto – è stato inviato ad un indirizzo sbagliato (protocollo@pec.anticorruzzione.it invece di protocollo@pec.anticorruzione.it con una sola Z), come riportato nel documento ASI del 29/5/2018 n. 1052 ? Errore dovuto ad ignoranza, disattenzione o malizia?

 

I nostri dubbi/sospetti che vi sia qualcosa di poco chiaro nell’operato del RPCT Marseglia vengono ulteriormente confermati da un recente accadimento molto grave, a parer nostro.

Il 2/7/2018 con nota n.1284 il RPCT Marseglia comunicava ai componenti del Consiglio di Amministrazione ASI Foggia, addirittura, l’Archiviazione del Procedimento di Inconferibilità (doppione e illegittimo, come dimostrato) nei confronti di Riccardi. Non solo il RPCT Marseglia non rispetta la delibera dell’ANAC del 9/5/2018 e l’ulteriore chiarimento che dovrebbe aver ricevuto prima del 6/7/2018 ma, in barba a tutto questo, ARCHIVIA tale procedimento senza averne titolo per farlo. E’ notizia di ieri (6 luglio 2018) che il Presidente della Camera di Commercio, avv. Fabio Porreca, componente del Cda, si oppone fermamente a tale provvedimento, comunicando che si asterrà dalle riunione del Cda ASI Foggia “finché non sarà risolta la questione”. Siamo all’abuso di potere più conclamato. Pertanto, diffidiamo il RPCT Marseglia ad applicare immediatamente quanto previsto dalla delibera ANAC del 9/5/2018 e ci riserviamo, alla luce di questi nuovi accadimenti, di denunciare, nuovamente, il suo scorretto operato alla Procura della Repubblica".

 



Commenta l'articolo