POLITICA

FOTO Monte S. Angelo. Raccolta rifiuti, Forza Italia dice no all'ASE

Monte S. Angelo. Raccolta rifiuti, Forza Italia dice no all'ASE

MONTE S.ANGELO,

"Al “Tavolo permanente su ambiente e rifiuti” tenutosi il 9 marzo scorso presso la Biblioteca Comunale, il Sindaco d’Arienzo sembra abbia dato i numeri, in tutti i sensi. Nell’inutile tentativo di dire/non dire che aumenterà la tassa rifiuti, d’Arienzo le ha sparate davvero grosse, come gli è capitato già in altre occasioni. Intanto, una cosa è certa: ha affermato il falso dicendo che l’ultima Amministrazione comunale è stata assente alla costituzione e alle riunioni dell’ARO FG1 (Ambito di Raccolta tra i Comuni di Manfredonia, Mattinata, Monte, Vieste, Zapponeta, San Giovanni Rotondo)". E' il commento del segretario cittadino di Forza Italia Monte Sant'Angelo, Felice Scirpoli che aggiunge:

"Dicendo falsità, voleva forse affermare che attraverso l’ARO, e la società ASE di Manfredonia, si poteva diminuire il costo della raccolta rifiuti e abbassare le tasse ai cittadini? Perché, allora, d’Arienzo, braccio destro del Sindaco di Mattinata “…con compiti di studio anche in materia di ambiente con il fine di attuare al meglio gli indirizzi politici connessi agli atti di governo” (un super consulente), ha consigliato al Sindaco di Mattinata di non aderire all’ASE? E visto che ha cambiato idea sull’adesione all’ASE, perché ora lui, quale Sindaco di Monte, non vi aderisce?

d’Arienzo dovrebbe sapere che avere l’ASE di Manfredonia come azienda di gestione della raccolta rifiuti significa correre il rischio di essere invischiati nella grave situazione debitoria di quella Società. Dai dati pubblicati sia sul sito ASE sia in possesso del Comune di Manfredonia, ASE risulta con eccessivi debiti che oggi ripiana il Comune di Manfredonia e, dal momento in cui dovessero aderire, potrebbero essere ripianati anche da altri Comuni!

 

Poi, ha persino delirato sul Bilancio Comunale e sulla TARI, rasentando il ridicolo! Ha detto che la vecchia Amministrazione (non capiamo perché ha dimenticato di citare due anni di gestione dei Commissari!) prendeva dal Bilancio Comunale i soldi per pagare il servizio di raccolta. Che dire? Il Sindaco era convinto che quei soldi li portava la befana! Certo, non possiamo pretendere molto politicamente da chi dice queste assurdità. Ora che fa il Sindaco, d’Arienzo ha scoperto che la befana non esiste e il servizio bisogna pagarlo, ma non sa come fare e dove prendere i soldi. È facile dire, e dovrebbero saperlo pure il Sindaco e il PD, che i modi sono soltanto due: o si prendono dal Bilancio Comunale (sono sempre soldi dei cittadini) o si aumentano le tasse".

 

 

 

 

 

 



Commenta l'articolo