0881.568734 redazione@teleradioerre.it

Teleradioerre.it

CRONACA

Omicidio Cavaliere: l´imprenditore aveva paura

FOGGIA,


Mario Cavaliere potrebbe aver avuto alcuni contrasti, di recente, con un socio d’affari. Ci sarebbe anche quest’altra ipotesi al vaglio degli inquirenti che indagano sull’omicidio dell’imprenditore cinquantenne ucciso lunedì sera in viale degli aviatori sotto l’abitazione della madre. Si indaga a ritmo serrato nell’ambiente lavorativo e nelle frequentazioni di Cavaliere, non solo a Foggia ma anche a Parma. Ma la sensazione è che sia da cercarlo qui il movente di questo omicidio e forse anche il sicario. Gli investigatori ribadiscono che è da escludere la pista del racket, anche se nel passato di Cavaliere ci sono telefonate estorsive, ma l’imprenditore, come avrebbero testimoniato persone a lui vicine, non era sotto estorsione. Nel passato di Cavaliere ci sarebbero però telefonate di minacce, e persino aggressioni e furti. Episodi che Cavaliere aveva regolarmente denunciato alle forze dell’ordine e che risalgono al periodo compreso tra dicembre 2000 e maggio 2001. Una volta uno sconosciuto lo aveva aggredito e poi gli aveva intimato di “comportarsi bene a Parma” e in un’altra occasione , al telefono, qualcuno gli aveva lasciato intendere che per lui era pericoloso tornare a Foggia. Forse per queste ragioni Cavaliere girava armato. Possedeva regolarmente una 7.65 e una 6.35. Preoccupazioni, timori, che ormai contrassegnavano la vita di Cavaliere da tempo. Agli inquirenti spetterà capire perché.


Commenta l'articolo