0881.568734 redazione@teleradioerre.it

Teleradioerre.it

POLITICA

Trasporto pubblico urbano cambia volto a Cerignola

CERIGNOLA,


Lo spostamento del capolinea degli autobus urbani da viale di Ponente a via Rosati è la misura più evidente dell’avvio della sperimentazione del nuovo servizio di trasporto pubblico locale. Come annunciato, l’Amministrazione comunale ha elaborato un piano sperimentale di riorganizzazione e razionalizzazione dei percorsi e delle frequenze che diventerà operativo a partire da lunedì 28 luglio.
Confermato il numero delle linee (5), è stato deciso di trasferire il capolinea nella stessa zona della città in cui è collocata l’area di sosta degli autobus delle linee extraurbane, “con l’evidente obiettivo – commenta l’assessore ai Lavori pubblici, Lucio Cioffi, titolare della delega ai Trasporti – di favorire l’utenza interessata alle coincidenze in ingresso e in uscita dalla città”. Riorganizzato anche il percorso delle linee. La 1, la 2 e la 3 collegheranno l’intera città all’ospedale. La novità di maggior rilievo è la penetrazione nei quartieri Torricelli, Fornaci e San Martino, prima serviti solo perimetralmente o negli assi viari principali, “con nuove fermate e un servizio più capillare”, sottolinea Cioffi. La linea 4 sarà operativa esclusivamente dalle 7.00 alle 13.00 e svolgerà il proprio servizio sulla viabilità più esterna della città, collegando queste zone all’ospedale e al cimitero. Per la linea 5, infine, è stato tracciato un percorso diretto via Rosati-Stazione ferroviaria Cerignola campagna e le corse saranno effettuate in coincidenza con la partenza e gli arrivi dei treni. “La necessità della riorganizzazione è scaturita da una serie di motivazioni – afferma Lucio Cioffi – Innanzitutto, l’adeguamento del servizio alla nuova identità urbanistica della città. Quindi, la migliore rispondenza alle esigenze degli utenti. Infine, l’allineamento delle spese di esercizio al contributo regionale erogato. Per realizzare questi obiettivi – conclude l’assessore – abbiamo aumentato la frequenza del passaggio alla singola fermata da 30 a 35 minuti e tagliato 4 corse”. “Quella varata è una sperimentazione – aggiunge il sindaco, Matteo Valentino – per cui chiediamo ai cittadini di portare un po’ di pazienza per eventuali ritardi e, soprattutto, di collaborare alla migliore definizione del nuovo servizio. In attesa della predisposizione del bando e dell’assegnazione della gara d’appalto, a svolgere il servizio sarà la curatela fallimentare della STUC ed ogni contributo o suggerimento sarà utile per migliorare il bando stesso”.

Commenta l'articolo