0881.568734 redazione@teleradioerre.it

Teleradioerre.it

CITTÀ

Grano duro: scende ancora il listino prezzi

FOGGIA,


Non c’è stato neanche il tempo per tirare un sospiro di sollievo per il graduale aumento del prezzo del grano duro in provincia di Foggia, che già i listini ricominciano la loro corsa al ribasso. Se una settimana fa, infatti, il prezzo al quintale era salito a 24,3 euro, il nuovo listino pubblicato dalla Commissione prezzi della Camera di Commercio di Foggia abbassa di 80 centesimi il prezzo del cereale, portandolo a 23,5. A rendere ancora più nero l’umore degli agricoltori, la notizia che l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, ha sanzionato con una multa da quasi 12.5 milioni di euro, le imprese produttrici di pasta e relative associazioni di categoria, per aver fatto “cartello” in modo da tenere alto il prezzo del prodotto. Confagricoltura teme, ora, che quanto accaduto possa ripercuotersi sui produttori di grano duro, attraverso un’ulteriore riduzione del prezzo. Un ennesimo scivolone che si aggiungerebbe ai possibili “Giochi al ribasso”, denunciati dalla stessa Organizzazione in un momento in cui già si prospetta una pesante riduzione del raccolto 2009. Una riduzione dovuta al fatto che la maggior parte del grano raccolto lo scorso lo scorso anno è rimasto nei silos, invenduto. Nel 2008, infatti, spiega in una nota il Presidente nazionale dell’organizzazione, Fedarico Vecchioni, gli agricoltori hanno risposto all’appello di Governo, industrie e consumatori, aumentando la produzione per contrastare il caro prezzi della pasta. Una mossa che, invece, si è ritorta contro gli stessi agricoltori che sono stati ripagati con una drastica riduzione del prezzo del grano duro, il cui valore, oggi, non copre neanche le spese di produzione”. Il leader di Confagricoltura chiede, ora, maggiore trasparenza nelle relazioni di mercato, evitando comportamenti che possano in qualche modo condizionare le rilevazioni delle borse merci. In mancanza di segnali positivi sul fronte prezzi, i produttori potrebbero chiedere il ripristino dei dazi sul grano.

Commenta l'articolo


ALTRE DI CITTÀ