CITTÀ

Confcooperative celebra il Nero di Troia

TROIA,

“Il prossimo anno sarà importante per la Doc Tavoliere, che festeggerà i vent’anni del premio Nero di Troia e per le celebrazioni dei 1000 anni del nostro paese- così esordisce Leonardo Cavaliere, sindaco di Troia- nel portare i saluti dell’Amministrazione Comunale sul palco del Premio sull’Uva di Troia. Una felice concomitanza che ci impegna ad organizzare qualcosa di speciale per questo nostro centro, pieno di attrattive turistiche: come il vino, la cultura e il territorio”. Come sempre esausto ma soddisfatto, l’attuale AD del Consorzio di Tutela della Doc e vera anima organizzatrice del Convegno, Matteo Cuttano, che ci dice:” mai come quest’anno l’organizzazione dell’evento è stata impegnativa. Avevamo deciso di dividerlo in tre fasi, dando ad ognuna un capitolo proprio: fra conoscenza e programmazione del Nero sul nostro territorio; un talk show con le cantine vincitrici del premio; ed un ultima parte dedicata alla presentazione della madrina e alla presentazione del percorso. Fortunatamente tutto è andato per il verso giusto, e alla fine- dichiara ancora Cuttano- la piazza e i numeri delle presenze alla festa hanno premiato questa nostra sana fatica. Infatti- ha proseguito l’AD del Consorzio- si è contata una presenza di 1500 persone e sono stati consumati più 500 litri di vino. Per i due percorsi che tagliano c.so Regina Margherita, sono stati 10 i ristoratori che hanno aderito all’iniziativa. Ma soprattutto le 12 cantine aderenti al Consorzio di tutela, hanno “inondato” di nettare”, con le loro bottiglie pregiate, la serata dedicata al Nero di Troia”. “ Questa per il vino è sicuramente una stagione che verrà ricordata per l’alta qualità – ha detto Antonio Gargano, Presidente della Doc Tavoliere delle Puglie- Infatti c’è stata minor produzione, ma ha reso i grappoli da vino più succosi e dolci, donando un prodotto che verrà ricordato per molto tempo. Del resto i dati della vendemmia 2017 – 2018, conferma la bontà del Nero delle nostre Cantine associate, che hanno prodotto oltre 7000 Ettolitri di vino, per un totale del  40% di esportazione fra i Paesi del Nord Europa e Nord America  ed il restante 60% venduto in Italia”.

Di spessore, l’intervento del Presidente del Gal Meridaunia, Alberto Casoria il quale ha ribadito la vicinanza del più importante Gruppo d’azione locale della Puglia al fattore Agricoltura, “..che oggi non è più solo un settore assestante, ma che svolge un ruolo predominante nell’ambito dell’economia locale per mezzo del sistema enoagrogastronomico e dunque si pone come uno degli attrattori turistici più importanti. E come Gal siamo orgogliosi di poter promuovere il nostro territorio, accompagnando attraverso i nostri bandi per giovani agricoltori, e per mezzo di tali iniziative, un percorso economico- occupazionale di sviluppo dell’intero territorio dei Monti Dauni”.

Premiate le 5 cantine d’eccellenza del 2017 – 2018, che hanno raccolto maggior menzioni speciali e premi in tutto il mondo, grazie al vitigno autoctono di Troia:

Cantine Decanto;Cantine Elda; Cantine Placido- Volpone; Cantine Pirro e Cantine Casaltrinità. Premio Speciale alle Cantine Apulia, la prima che aderì e supportò l’idea del Comitato per il riconoscimento della Doc Nero di Troia – Tavoliere delle Puglie.

Infine, particolare attenzione, al Premio più atteso e ricevuto da Giorgio Mercuri, confermato alla Presidenza Nazionale di Confcooperative Fedagri-Pesca. “ Un ruolo che m’impegna anima e corpo alla tutela del prodotto agricolo nazionale dentro e fuori confine- ha sottolineato Mercuri- ma che non mi ha mai fatto dimenticare il mio territorio a cui sono legato sia lavorativamente, che umanamente, e che non finisce mai di spronarmi affinché le nostre imprese riescano ad imporsi, sempre più, a livello nazionale ed internazionale. Perché credetemi- ha concluso Mercuri- i nostri prodotti sono di una qualità così eccellente, come il Nero di Troia, che non devono avere alcun timore di competere con gli altri prodotti del food e beverage del made in Italy”.

L’appuntamento, dunque, è fissato per il 2019 con la grande celebrazione dei vent’anni del Premio Nero Doc Tavoliere.



Commenta l'articolo


ALTRE DI CITTÀ