Operazione “LOCKDOWN”. Carabinieri eseguono una misura cautelare a carico di tre persone.

Spread the love

Alle prime luci dell’alba, a San Marco in Lamis e San Giovanni Rotondo, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Rotondo in collaborazione con quelli della Stazione di San Marco in Lamis, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP del Tribunale su richiesta della Procura della Repubblica di Foggia, nei confronti di 3 persone, ritenute responsabili di concorrenza illecita con minaccia e violenza, nonché di danneggiamento aggravato, in relazione all’incendio di due autobus di gran turismo di una ditta di San Marco in Lamis.  

La notte del 2 giugno scorso, alcuni abitanti di San Marco in Lamis venivano svegliati da una forte esplosione derivante dall’incendio di due autobus di gran turismo di una ditta locale, che si trovavano posteggiati, insieme a tanti altri mezzi, nel parcheggio situato tra il campo sportivo e il cimitero. I militari dell’Aliquota Radiomobile unitamente a quelli della locale Stazione, allarmati da una guardia giurata, intervenuti sul posto constatavano che uno dei due autobus era completamente distrutto nella parte anteriore, mentre l’altro riportava danni ingenti nella parte laterale anteriore sinistra.

L’immediato sopralluogo e l’acquisizione delle immagini rilevate dal sistema di videosorveglianza comunale e quelle di private abitazioni ed esercizi commerciali, consentivano di accertare che l’incendio era di natura dolosa. Le telecamere, difatti, riprendevano il piromane in tutte le fasi di arrivo, evoluzione e conclusione dell’illecita azione

L’analisi delle immagini consentiva di accertare che:

  • alle ore 01.00 circa, giungeva sul luogo del reato un’autovettura SMART, di colore GRIGIO/NERA, dalla quale scendeva lato passeggero una persona che, a piedi, raggiungeva il muro perimetrale posteriore;
  • attraverso una scala il malvivente si calava all’interno del parcheggio, raggiungeva l’autobus e mediante materiale infiammabile dava fuoco al pneumatico anteriore destro, dandosi immediatamente alla fuga;
  • alle successive ore 02:00 circa, la stessa persona ritornava sul posto e, dopo aver rinvigorito le fiamme che nel frattempo si stavano spegnendo, si allontanava definitivamente.

Lo sviluppo e l’analisi dei filmati acquisiti permettevano di identificare gli autori dell’incendio in due soggetti, il primo residente a San Marco in Lamis quale autore dell’incendio, il secondo, di San Giovanni Rotondo, con compiti di accompagnatore e palo.

Accertata la responsabilità degli esecutori dell’incendio rimaneva da capire il movente e l’eventuale mandante.

Le indagini successive, esperite anche attraverso intercettazioni telefoniche ed ambientali,  hanno chiarito questi due aspetti ed inquadrato quell’incendio in un atto violento teso all’accaparramento del servizio di trasporto degli infermieri che quotidianamente attraverso pulmini si recano da San Marco in Lamis a San Severo, dove presso quell’ospedale svolgono la loro attività lavorativa. Si comprende che tale servizio produce negli operatori del settore un guadagno notevole.

Ebbene, tale servizio è stato gestito per oltre dieci anni da un imprenditore locale, il quale a causa della diffusione del contagio da CORONAVIRUS era stato costretto a fermarsi perché nell’ambito della sua famiglia erano stati accertati casi di positività al virus COVID-19, da qui il nome dell’operazione in LOCKDOWN.

Il servizio quindi era passato a un altro imprenditore di San Giovanni Rotondo. Una volta ultimata la quarantena il precedente appaltatore aveva cercato di riprendere il servizio chiedendo ausilio alla ditta proprietaria degli autobus bruciati visto che con il suo mezzo non riusciva a soddisfare le esigenze sorte per il distanziamento sociale. Tale iniziativa evidentemente non veniva gradita dal gestore attuale di quel servizio, il quale per sbarazzarsi del suo concorrente aveva ordinato l’incendio degli autobus.      

I numerosi riscontri investigativi hanno consentito ai Carabinieri della Compagnia di San Giovanni Rotondo di redigere un’informativa conclusiva che, elaborata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, è sfociata nella richiesta di misura cautelare poi emessa dal GIP del Tribunale che ha disposto la custodia cautelare in carcere per 2 soggetti nonché il divieto di dimora nel comune di San Marco in Lamis e obbligo di presentazione alla PG per il terzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Covid 19

covid 19