MANFREDONIA – ORMEGGI ABUSIVI NEL PORTO COMMERCIALE . TERMINATE LE OPERAZIONI DI RIMOZIONE.

Spread the love

Nel corso della mattinata di ieri, la Capitaneria di Porto di Manfredonia,
congiuntamente al personale della Compagnia Carabinieri ed al personale
dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, ha concluso l’attività
di rimozione dei natanti da diporto, abusivamente ormeggiati o abbandonati dai
proprietari nel Porto Commerciale di Manfredonia.
L’attività, iniziata nel Gennaio scorso sotto il coordinamento della Procura della
Repubblica di Foggia, ha anche visto l’intervento del personale specializzato
appartenente al 1°Nucleo Subacquei Guardia Costiera di San Benedetto del Tronto,
utilizzato per effettuare una preliminare ricognizione dei fondali ed accertare la
presenza dei diversi corpi morti/catenarie, abusivamente installati sul fondale
(costituenti un pericolo per la sicurezza della navigazione nonché un nocumento
all’ecosistema marino-costiero) e successivamente rimossi.
Nella giornata di ieri, invece, si è proceduto alla rimozione degli ultimi natanti da
diporto presenti nello specchio acqueo prospiciente il Molo di Levante ed il Molo di
Tramontana, grazie al significativo ausilio fornito dall’Autorità di Sistema Portuale del
Mare Adriatico Meridionale la quale, in aggiunta, custodirà temporaneamente le
imbarcazioni nelle more di individuare i legittimi proprietari nonché, nel caso dei relitti,
avvierà direttamente gli stessi allo smaltimento tramite ditta specializzata.
L’operazione conclusa assume un valore di grande pregio per la collettività e per gli
amanti e professionisti del mare, in quanto ha innegabilmente migliorato le condizioni
di sicurezza della navigazione in ambito portuale, nonché è stata necessaria per il
ripristino alla legalità, consentendo il pieno rispetto delle connesse norme di legge
che vietano l’ormeggio dei natanti da diporto nel Porto Commerciale, possibile
esclusivamente presso i sodalizi nautici, strutture appositamente autorizzate e che
permettono di monitorare i requisiti di sicurezza ed ambientali da rispettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Covid 19

covid 19