GUARDIA DI FINANZA: CORRIERE DELLA DROGA TENTA DI SOTTRARSI AD UN POSTO DI CONTROLLO. TRASPORTAVA COCAINA. ARRESTATO.

Spread the love

I Finanzieri del Comando Provinciale di Foggia, nel corso di un servizio finalizzato alla repressione dei traffici illeciti, hanno fermato un’autovettura su cui viaggiava un uomo originario di Cerignola di 45 anni che trasportava oltre 100 grammi di cocaina ad elevato principio attivo. Il corriere è stato arrestato e tradotto nel carcere di Foggia.

La scena si è consumata, in prima serata, sulla strada provinciale 110, in agro del Comune di Orta Nova (FG) dove i finanzieri, notando sopraggiungere a velocità sostenuta un‘autovettura Fiat 600, intimavano l’Alt di polizia al conducente.

L’autovettura, condotta da C.L., in un primo momento accennava a rallentare la corsa per poi riprendere velocità sterzando pericolosamente verso la careggiata nel senso opposto di marcia. Il tentativo di sottrarsi all’alt dei finanzieri veniva però frenato quasi subito, nei pressi del vicino centro abitato di Orta Nova, non prima tuttavia che il soggetto alla guida riuscisse a liberarsi del pacco che “scottava” gettandolo dal finestrino dell’autovettura in corsa.

Arrestata la corsa dell’auto in fuga, la pattuglia riusciva a recuperare l’involucro gettato dal fuggitivo, che conteneva, come è stato accertato, sostanza stupefacente del tipo “cocaina”.

L’uomo veniva arrestato e associato alla Casa Circondariale di Foggia su disposizione della Procura della Repubblica di Foggia perché ritenuto responsabile del reato di traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti e di resistenza a pubblico ufficiale. Il Giudice del Tribunale di Foggia ha convalidato il sequestro dello stupefacente e l’arresto dell’uomo, per il quale ha disposto la misura cautelare in carcere.

L’attività di servizio svolta testimonia il costante presidio del territorio esercitato dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Foggia a tutela della legalità e nel contrasto ai fenomeni criminali connotati da maggiore pericolosità sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Covid 19

covid 19